Problemi di sicurezza dei dati, sfide, rischi, preoccupazioni incontrate dalle aziende e dai CISO. Conoscere le raccomandazioni di SealPath per gettare le basi di una resilienza e di un’adattabilità durature. Esplora il ruolo critico dei CISO nell’affrontare queste sfide.

Indice dei contenuti:

 

1. Quali sono i principali rischi per la sicurezza dei dati che le aziende devono affrontare oggi?

Nell’attuale panorama digitale, le aziende devono affrontare rischi crescenti per la sicurezza dei dati. Secondo il Cyberthreat Defense Report 2023, le minacce principali includono gli attacchi di phishing, il ransomware e le minacce interne. Sempre più spesso emergono i rischi associati al lavoro a distanza e alle politiche ‘Bring-Your-Own-Device’ (BYOD). Anche le violazioni della sicurezza dovute alle vulnerabilità del sistema sono comuni. Ognuno di questi rischi presenta sfide uniche.

1.1 Minacce emergenti: Fonti e approfondimenti

La ricerca attuale sottolinea i cambiamenti degni di nota nei modelli di violazione dei dati. Gli insider, sia maligni che involontari, sono diventati i principali responsabili della compromissione dei dati. Gli studi dimostrano anche un aumento delle violazioni dovute a una configurazione errata del cloud storage, sottolineando la necessità di un controllo e di un monitoraggio più severi. Inoltre, gli attacchi alla catena di approvvigionamento stanno guadagnando terreno, con gli aggressori che sfruttano l’accesso ai dati di terzi per infiltrarsi nei sistemi. Il ransomware continua ad evolversi, con gli aggressori che sempre più spesso esfiltravano i dati prima della crittografia per esercitare un’ulteriore pressione. Tutto ciò accresce la necessità di misure di protezione dei dati più vigili e diversificate.

1.2 Incorporare una mentalità di sicurezza proattiva

Le aziende devono dare priorità alla formazione continua, incorporando la consapevolezza dei rischi dei dati in ogni livello dell’organizzazione. Sessioni di formazione regolari riducono in modo significativo la suscettibilità agli attacchi di phishing, una delle principali cause di violazione. Dare ai dipendenti la possibilità di segnalare potenziali problemi di sicurezza senza timori promuove un ambiente di vigilanza.

L’implementazione di un approccio ‘security by design’ ai progetti assicura che la protezione dei dati sia considerata fin dall’inizio, anziché come un ripensamento. Queste strategie favoriscono una mentalità in cui la sicurezza è responsabilità di tutti e possono facilitare notevolmente la riluttanza degli utenti a utilizzare nuove tecnologie o a cambiare il modo di lavorare in alcune attività quotidiane.

2. Come possono le aziende proteggersi dal ransomware e dalle violazioni dei dati?

In qualità di esperti nella protezione dei dati, apprezziamo gli approcci testati per contrastare il ransomware e le violazioni dei dati. Tre metodi campione sono: la protezione proattiva dei dati, il monitoraggio regolare e una solida formazione degli utenti. Questi metodi si sono dimostrati efficaci più volte. Oltre a garantire la sicurezza, offrono anche tranquillità e resilienza.

2.1 Comprensione dei meccanismi di questi attacchi

La comprensione dei meccanismi di attacco è fondamentale nella nostra strategia di protezione dei dati. Le tattiche di phishing, ad esempio, sono spesso una porta d’accesso al ransomware, convincendo gli utenti a cliccare su link o allegati dannosi. Secondo il 2023 Data Breach Report di Verizon, il phishing rappresenta il 36% delle violazioni. Scopra il vero impatto del ransomware sulle aziende qui.

Negli attacchi ransomware, una volta entrato nel sistema, l’hacker cripta i dati e chiede un riscatto per il ripristino. Questo può comportare tempi di inattività, perdita di fatturato e danni alla reputazione. Per quanto riguarda le violazioni dei dati, di solito si verificano quando persone non autorizzate accedono a tutti i tipi di dati sensibili. Questo può avere gravi implicazioni, come multe salate e una significativa erosione della fiducia dei clienti. Questo panorama accentua il valore di solide misure di protezione dei dati.

2.2 Implementazione di soluzioni avanzate di protezione dei dati e sensibilizzazione

Per difendersi dalle violazioni dei dati e dal ransomware, l’integrazione di una protezione avanzata dei dati è fondamentale. Queste soluzioni, progettate per proteggere e neutralizzare preventivamente le minacce, sfruttano una tecnologia all’avanguardia, offrendo uno scudo robusto per i dati sensibili, come le soluzioni di Enterprise Digital Rights Management. Insieme a questo, promuovere una cultura della consapevolezza della sicurezza delle informazioni in cui gli utenti sono coinvolti nel mantenimento della sicurezza delle informazioni in tutti i livelli aziendali, amplifica la resilienza.

Le statistiche del rapporto Cost of a Data Breach 2023 di IBM affermano che le organizzazioni con una forte consapevolezza della sicurezza hanno il 30% in meno di probabilità di subire una violazione dei dati. Questa doppia strategia non solo salvaguarda i dati, ma alimenta anche una mentalità di sicurezza proattiva, sottolineando l’impegno per l’eccellenza nella protezione dei dati.

3. Quali sono le strategie da adottare per proteggere i dati con i lavoratori remoti e i rischi BYOD?

Nell’affrontare le sfide del lavoro a distanza e del BYOD (Bring Your Own Device), la priorità della sicurezza dei dati è fondamentale. Gli approcci chiave includono l’implementazione di una crittografia robusta e di soluzioni incentrate sui dati, la garanzia di connessioni sicure tramite VPN e l’adozione di soluzioni di sicurezza endpoint complete. Inoltre, la definizione di politiche chiare migliora la conformità. Queste strategie, radicate in pratiche comprovate, non solo proteggono le informazioni sensibili, ma supportano anche la produttività e la flessibilità, adattandosi alla realtà delle esigenze dell’organizzazione.

3.1 Affrontare le sfide dell’accesso remoto e della collaborazione

Affrontare le sfide dell’accesso remoto e della collaborazione richiede misure strategiche per prevenire l’esfiltrazione dei dati. Un approccio solido include l’uso di reti private virtuali (VPN) sicure e l’autenticazione a più fattori (MFA) per una maggiore sicurezza, riducendo in modo significativo gli accessi non autorizzati.

Inoltre, la crittografia dei dati assicura l’integrità e la riservatezza delle informazioni, anche se intercettate, indipendentemente dal dispositivo, dalla rete o dall’endpoint. Gli strumenti di gestione dei diritti di informazione giocano un ruolo cruciale in questo caso. In parole povere, si tratta di una combinazione di gestione dell’identità e dell’accesso e di crittografia, ma con una maggiore flessibilità, che facilita la collaborazione sicura all’interno e all’esterno della rete.

Questo è importante, soprattutto quando i dati sono stati scaricati da un cloud storage, inviati via e-mail o copiati su una chiavetta. In questi casi, è necessario mantenere i file protetti mentre i collaboratori lavorano con loro, per garantire che la collaborazione sia stata sviluppata in modo sicuro e che non utilizzino le informazioni fornite a loro vantaggio. La crittografia ha l’impatto maggiore, riducendo i costi delle violazioni di una media di 360.000 dollari, secondo il rapporto IBM.

4. Come possono le aziende garantire la conformità alle normative globali sulla protezione dei dati?

La navigazione nelle normative globali sulla protezione dei dati implica la comprensione di quadri chiave come il GDPR nell’UE, che stabilisce un precedente per la privacy dei dati, il CCPA in California che fornisce i diritti di privacy dei consumatori, e le normative emergenti come il PIPL della Cina che si allineano agli standard globali in evoluzione.

Come indicano le tendenze, si sta verificando una proliferazione di leggi sulla protezione dei dati a livello globale, che enfatizzano la responsabilità, la resilienza e i diritti alla privacy. La tendenza riflette un movimento collettivo verso un panorama di dati più sicuro. Vale la pena ricordare che sono emerse nuove normative sulla cybersecurity che evidenziano la necessità di misure di protezione delle informazioni in alcune delle loro sezioni.

4.1 Il costo della non conformità

Il successo della conformità alle normative va oltre gli aspetti finanziari e implica la navigazione in complesse considerazioni legali ed etiche. Le conseguenze della mancata conformità alle leggi sulla cybersecurity e sulla protezione dei dati si estendono in modo significativo. Non si tratta solo di multe sostanziali che, per le violazioni del GDPR, possono arrivare fino a 20 milioni di euro o al 4% del fatturato globale annuo, ma anche di danni irreparabili alla reputazione.

La fiducia dei consumatori, una volta erosa, richiede sforzi immensi per essere ricostruita. Questa prospettiva sottolinea l’importanza di considerare la compliance come un investimento. Le misure proattive non solo mitigano i rischi finanziari, ma posizionano le aziende come entità affidabili e degne di fiducia agli occhi dei loro clienti, migliorando il successo a lungo termine.

4.2 Affrontare in modo approfondito la conformità legale e regolamentare

La navigazione nel panorama normativo globale richiede un approccio strategico e informato per garantire la conformità legale e normativa in tutte le giurisdizioni. Ciò comporta un’analisi approfondita e la comprensione di ogni normativa pertinente, come il GDPR, il CCPA, e PIPL, DORA, NIS2, tra gli altri. Una strategia proattiva comprende regolari controlli di conformità, valutazioni d’impatto sulla protezione dei dati e programmi di formazione del personale. Anche l’enfasi sulla trasparenza delle attività di elaborazione dei dati e la definizione di chiare politiche di trattamento dei dati giocano un ruolo cruciale.

Inoltre, la nomina di un responsabile della protezione dei dati (DPO) dedicato può fornire una preziosa supervisione in ambienti normativi complessi. Questo approccio completo non solo assicura l’aderenza a diversi quadri giuridici, ma sottolinea anche l’impegno a salvaguardare la privacy e la sicurezza dei dati, migliorando in ultima analisi la fiducia e il valore per gli stakeholder.

5. Minacce interne, come possono i CISO mitigarle?

Le minacce interne, sia involontarie che intenzionali, comportano rischi significativi per la sicurezza dei dati. Queste includono la gestione incauta di dati sensibili, la caduta nel phishing o l’uso improprio di informazioni privilegiate. Il Rapporto 2023 sulle minacce insider di Cybersecurity Insiders evidenzia che il 74% delle organizzazioni è almeno moderatamente vulnerabile alle minacce insider. Identificare le fonti potenziali di queste minacce è un passo fondamentale per costruire una strategia di difesa completa.

5.1 Le minacce interne e il loro impatto sulla sicurezza dei dati

L’identificazione dello spettro delle minacce insider implica il riconoscimento sia delle azioni non intenzionali che degli intenti deliberati che compromettono le informazioni sensibili. Questa ampia gamma comprende l’esposizione involontaria dei dati dovuta a negligenza, come l’archiviazione o il trasferimento di dati non protetti, e gli atti dolosi finalizzati al furto o al sabotaggio dei dati. Ad esempio, un caso ha coinvolto ex dipendenti di Tesla che hanno divulgato informazioni di identificazione personale (PII ) a un media straniero.

L’impatto di tali minacce è multiforme, e porta a perdite finanziarie significative, danni alla reputazione econseguenze legali. Come rivela il rapporto 2023 Cost of Insider Threats del Ponemon Institute, gli incidenti di insider threat sono aumentati del 44% negli ultimi due anni, con un aumento dei costi per incidente di oltre un terzo, fino a 15,38 milioni di dollari, sottolineando la necessità di misure di sicurezza complete. Le strategie efficaci comprendono controlli di accesso rigorosi, monitoraggio continuo e promozione di una cultura di consapevolezza della sicurezza. Questo approccio olistico non solo mitiga i rischi, ma rafforza anche la resilienza di un’organizzazione contro le minacce interne.

5.2 Aumentare l’attenzione sull’approccio Zero Trust

L’approccio Zero Trust, che incarna il principio‘Non fidarsi di nulla, verificare tutto, è fondamentale per mitigare le minacce interne. Questo paradigma sposta l’attenzione dai modelli di sicurezza tradizionali basati sul perimetro alla verifica rigorosa dell’identità all’interno di un’organizzazione, indipendentemente dalla posizione dell’utente. I passi chiave per l’implementazione includono:

  • Autenticazione a più fattori (MFA) per garantire che le richieste di accesso siano autenticate, autorizzate e crittografate.
  • Accesso con il minimo privilegio per limitare i diritti di accesso degli utenti solo a ciò che è strettamente necessario per svolgere le loro mansioni.
  • Micro-segmentazione per creare zone sicure nei data center e negli ambienti cloud, limitando così i movimenti laterali.
  • Monitoraggio continuo per attività insolite che potrebbero indicare minacce interne.

Secondo il rapporto 2022 Cost of a Data Breach di IBM, le organizzazioni che hanno implementato un approccio zero-trust hanno risparmiato in media 1 milione di dollari sul costo di una violazione rispetto a quelle che non l’hanno fatto. Adottando Zero Trust, le organizzazioni non solo migliorano la loro posizione di sicurezza, ma dimostrano anche un impegno per la protezione dei dati, offrendo valore attraverso strategie comprovate ed economicamente vantaggiose.

6. Come possono le aziende migliorare le loro capacità di risposta alle violazioni dei dati?

Ottimizzare le capacità di risposta alle violazioni dei dati è una misura proattiva per minimizzare i danni potenziali. Le raccomandazioni principali includono la definizione di un piano di risposta agli incidenti, la promozione di una formazione regolare, l’implementazione dei ruoli, il coinvolgimento di esperti esterni di sicurezza informatica quando necessario e il mantenimento della trasparenza con gli stakeholder dopo l’incidente. Agendo su queste strategie, avanziamo verso un ecosistema di dati più sicuro e resiliente.

6.1 L’importanza di un piano di risposta proattivo alle violazioni di dati

Il punto cruciale della resilienza aziendale nell’era digitale si basa su un piano di risposta proattivo. Un piano di questo tipo assicura il rilevamento, il contenimento e la mitigazione tempestivi delle violazioni dei dati, fondamentali per sostenere le operazioni e ridurre al minimo le interruzioni. Una strategia di risposta su misura comprende ruoli e responsabilità definiti, protocolli di comunicazione chiari e aggiornamenti regolari per tenere il passo con l’evoluzione delle minacce informatiche.

Il Cost of a Data Breach Report 2023 di IBM sottolinea che le aziende con un team di risposta agli incidenti e un’ampia verifica dei piani di risposta hanno registrato 1,49 milioni di dollari in meno di costi di violazione rispetto a quelle che non hanno un piano. L’implementazione di un solido piano di risposta non solo migliora la capacità di gestire le crisi, ma rappresenta anche un approccio orientato al valore per proteggere l’integrità di un’organizzazione. Ecco come calcolare il costo di una violazione dei dati.

7. Leadership e governance della sicurezza strategica

La leadership nella sicurezza strategica e nella governance è fondamentale per allineare la sicurezza dei dati agli obiettivi aziendali. Le raccomandazioni principali includono: integrare una cultura di consapevolezza della cybersecurity a tutti i livelli, garantire il coinvolgimento dei dirigenti negli investimenti in cybersecurity, allineare le strategie di sicurezza agli obiettivi aziendali e rivedere e aggiornare regolarmente le politiche di sicurezza in base alle minacce emergenti. Questi passi rafforzano il valore della protezione dei dati come pietra miliare della continuità aziendale e della crescita.

La leadership strategica nella sicurezza e nella governance è in prima linea nella protezione dei beni più preziosi di un’organizzazione. Richiede un modello di governance rigoroso che incorpori la sicurezza nel DNA delle operazioni aziendali. Per i CISO, si raccomanda l’applicazione di framework come NIST e ISO 27001 per offrire struttura e chiarezza alle iniziative di sicurezza.

L’allineamento di queste iniziative con gli obiettivi aziendali assicura che le misure di sicurezza contribuiscano all’efficienza operativa e alla resilienza aziendale. I dati dimostrano che le aziende con una solida governance della sicurezza hanno un minor numero di violazioni e tempi di recupero più rapidi, a dimostrazione del valore dell’integrazione strategica. L’impegno proattivo dei leader rafforza la fiducia, alimenta una cultura della sicurezza e genera fiducia nell’impegno dell’organizzazione a salvaguardare i dati.

8. Gestione del rischio di terze parti

Una gestione efficace del rischio da parte di terzi è fondamentale per garantire la sicurezza dei dati end-to-end. Questo inizia con un’accurata due diligence, valutando la posizione di sicurezza di un fornitore insieme ai suoi protocolli di gestione dei dati. È fondamentale stabilire clausole contrattuali dettagliate che specifichino le responsabilità in materia di protezione dei dati e le procedure di notifica delle violazioni, come ad esempio un Contratto di Trattamento dei Dati DPA.

Il monitoraggio continuo della conformità di terzi non è negoziabile, utilizzando strumenti collaudati che forniscono approfondimenti in tempo reale sui rischi potenziali. Secondo uno studio del Ponemon Institute, gli incidenti di cybersecurity che coinvolgono terze parti sono in aumento e i dati di terze parti sono in aumento. Le violazioni sono frequenti. Pertanto, un processo di gestione del rischio di terzi diligente e continuo non è solo una strategia: è un investimento per mantenere solidi standard di protezione dei dati.

9. Sicurezza dei dati negli ambienti cloud

La protezione dei dati all’interno degli ambienti cloud è essenziale per salvaguardare le risorse digitali attraverso vari modelli, come i cloud pubblici, privati e ibridi, nonché le applicazioni SaaS. L’impiego di una crittografia robusta, sia a riposo che in transito, è un passo fondamentale. L’accesso deve essere controllato in modo rigoroso. Valutazioni regolari della sicurezza e l’implementazione di funzionalità di sicurezza cloud-native possono fornire strategie di difesa a più livelli.

In un sondaggio condotto su quasi 3.000 professionisti dell’IT e della sicurezza in 18 Paesi, più di un terzo (39%) delle aziende ha subito una violazione dei dati nel proprio ambiente cloud lo scorso anno, con un aumento rispetto al 35% registrato nel 2022. Questo sottolinea il valore di investire in misure di sicurezza avanzate e convenienti, che si allineano alla natura dinamica degli ambienti cloud, aiutando a mantenere l’integrità e la fiducia dei dati.

10. Un approccio alla sicurezza incentrato sui dati

La scelta di un approccio alla sicurezza incentrato sui dati è una potente contromisura all’ampio panorama delle minacce di oggi. Questo approccio richiede che i parametri di sicurezza siano costruiti intorno ai dati stessi, garantendo la protezione, indipendentemente dalla posizione o dal percorso di transito dei dati. Comporta l’adozione di meccanismi come la crittografia dei dati e la prevenzione della perdita di dati. Uno studio di Forrester Research rivela che il 43% degli intervistati indica l’implementazione di un approccio alla sicurezza incentrato sui dati come priorità assoluta.

Gli strumenti chiave che favoriscono un approccio incentrato sui dati, come SealPath, aiutano a proteggere i dati sensibili. Questi strumenti comprovati forniscono un valore immenso, consentendo alle aziende di salvaguardare meglio le loro risorse informative critiche e di evitare le violazioni dei dati. Il percorso incentrato sui dati si basa sull’offerta di una protezione dei dati migliorata e conveniente.

11. Sommario: L’imperativo di dare priorità alla sicurezza dei dati

Dare priorità alla sicurezza dei dati non è solo una scelta strategica, ma una necessità fondamentale per qualsiasi organizzazione che voglia proteggere il suo bene più prezioso: i dati. Una profonda comprensione e un impegno proattivo sono fondamentali non solo per affrontare, ma anche per anticipare e mitigare le sfide della sicurezza dei dati. Aree chiave di interesse:

  • Mentalità di sicurezza proattiva.
  • Implementare soluzioni avanzate di protezione dei dati e consapevolezza.
  • Proteggere i dati con i lavoratori remoti e il BYOD.
  • Garantire la conformità alle normative globali sulla protezione dei dati.
  • Migliorare l’attenzione sull’approccio Zero Trust.
  • Adotti un piano di risposta proattivo alle violazioni dei dati.
  • Leadership nella sicurezza strategica e nella governance.
  • Gestione del rischio di terzi.
  • Sicurezza dei dati negli ambienti cloud.
  • Un approccio alla sicurezza incentrato sui dati.
  • Rimanga informato sulle tendenze più recenti. Controlli le Tendenze Cybersec 2024 qui.

Ogni punto funge da pilastro nella costruzione di un quadro olistico di sicurezza dei dati. Dare priorità a questi elementi non solo rafforza le capacità di protezione dei dati di un’organizzazione, ma la spinge anche verso una crescita sostenibile e la resilienza di fronte all’evoluzione delle minacce informatiche. Ricordiamo che nel regno delle informazioni digitali, un approccio alla sicurezza incentrato sui dati rimane la pietra angolare, essenziale per salvaguardare la linfa vitale di qualsiasi organizzazione moderna.

Non esiti a contattare il nostro team qui se desidera un ulteriore supporto per affrontare questi problemi e implementare le misure migliori.